Teatralmente Teatri della salute

DSM Reggio Emilia
Uno nessuno e centomila - Non sa di nomi la vita

liberamente tratto da Luigi Pirandello

progetto e regia di Andreina Garella
collaborazione al testo di Elide La Vecchia
ambientazione di Mario Fontanini
organizzazione Patrizia Marcuccio
Con Stefano Barbieri, Luciano Bertazzoni, Elena Beltrami, Lorena Bianchini, Maria Grazia Caviglia,  Carmine Cirillo, Giovanni Colli, Sandra Coppellotti, Concetta Cremona, Anna Cusi, Elia Ferri, Bruna Fogola, Giampaolo Gualtieri, Caterina Iembo,  Patrizia Marcuccio, Stefano Marzi, Maria Pia Molinari, Stefania Murazzo, Lucio Pederzoli, Antimo Piccolo, Antonia Prandi, Massimo Torri, Eugenio Varesani

una produzione Festina Lente Teatro

Lo spettacolo vuole essere una riflessione sulla libertà e sulle convenzioni imposte dalla società, che obbligano tutti ad un adeguamento formale, nel tentativo di cercare una identità alternativa all’oppressione delle convenzioni sociali.

In scena 16 pazienti psichiatrici 3 operatori 3 volontari e 1 psichiatra. Un gruppo di straordinaria umanità, che riesce ad amalgamare dolore e piacere, caos e ordine, follia e normalità, in una continua alternanza di emozioni che ipnotizzano e incantano, trasformando la fatica del vivere in poesia, con il rischio di non rimpiangere gli attori.

Il Progetto Teatro e Salute Mentale è realizzato da Festina Lente Teatro con il sostegno del Dipartimento di Salute Mentale di Reggio Emilia, Scandiano e San Polo, e L’Associazione Sostegno e Zucchero con il contributo della Regione Emilia Romagna, il Patrocinio Della Provincia e del Comune di Reggio Emilia, la collaborazione della Fondazione i Teatri di Reggio Emilia

Programmazione

Programma in corso di definizione.