Teatralmente Teatri della salute

DSM Cesena
Super comico tragico show

regia e direzione artistica Corrado Bertoni

laboratori musicali a cura di Milko Merloni

laboratori teatrali a cura di Giuseppe Viroli

con Amaducci Donatella, Andreucci Cecilia, Baiocchi Vittorio, Bestetti Sonia, Giorgini Walter, Matassoni Alberto, Minotti Elena, Murgia Pier Gianni, Palareti Francesco, Serritella Patrizia

una produzione La chitarra azzurra teatro

 

Attraverso la lettura (e a volte la parodia) delle tragedie greche abbiamo iniziato il nostro viaggio nella condizione umana, utilizzando il teatro.

Le tragedie ci hanno insegnato che questa nostra condizione è fatta di luci e di ombre, di sole e di notte e che, come dice Sofocle, nulla è più misterioso e tremendo dell'uomo.

Il teatro greco ci ha insegnato anche che la cura non cerca la guarigione ma la verità, ma, come dicono i poeti,  "la verità è sempre triste": meglio allora riderci un po' sopra come facevano anche i greci che, dopo tre tragedie, chiudevano la giornata sacra dedicata al teatro, con una farsa, suggerendoci forse che la vera catarsi non è nel rivivere il destino tragico degli eroi ma nel riderci sopra.

Leggendo questi testi mirabili abbiamo anche imparato che gli uomini vivono su una superficie sottile che ci separa dall'Ade.
Questo sottile strato di materia, che chiamiamo Mondo o Vita a volte è talmente sottile e fragile che diventa trasparente e ci vediamo attraverso e tremiamo di orrore; a volte è aspra e impervia e ci costringe a compiere sforzi sovrumani per scalarla e vedere altri orizzonti, più lontani e aperti; a volte questa membrana è liscia e piatta e sdrucciolevole e noi ci scivoliamo sopra beati e inconsapevoli del sottostante abisso.

Comunque sia, dagli antichi poeti e sapienti, abbiamo imparato che il nostro modo di sostare su questa Terra, per essere sopportabile, deve
imparare molto dagli eroi e dai saltimbanchi, come del resto non smette mai di insegnarci anche Shakespeare: esseri eccentrici, bizzarri, popolano l'inconscio: il teatro permette di incontrarli, riconoscerli, dialogare con loro nel tempo presente della scena

Corrado Bertoni

Programmazione

Programma in corso di definizione.